Duolingo: nel 2022 l’italiano resta la sesta lingua più studiata, ma perde il 2° posto in due Paesi storici

SOSTIENICI CON UNA PICCOLA DONAZIONE
Condividi questo articolo:

Fine anno, tempo di bilanci. Duolingo, celebre piattaforma per l’apprendimento delle lingue, ha recentemente pubblicato il suo rapporto annuale (qui l’originale in inglese) che fotografa come i suoi utenti si muovono rispetto allo studio dei vari idiomi. L’inglese continua, come prevedibile, a farla da padrone in quanto lingua con più numero di studenti nell’app, seguito da spagnolo, francese, tedesco, giapponese, italiano e coreano. La testa della classifica resta dunque invariata rispetto al 2021.

Cresce la popolarità del giapponese, che l’anno scorso aveva sottratto all’italiano il quinto posto, e del coreano. Entrambe spinte dalla forza dei propri prodotti culturali, manga e anime per il primo, serie TV e musica per il secondo. In alcuni Paesi europei è aumentato molto lo studio della lingua ucraina, a causa della guerra d’invasione russa e alla conseguente fuga di molti profughi verso le nazioni confinanti.

Facendo un ingrandimento della situazione della nostra lingua, vediamo che l’italiano vede cambiare la propria situazione nel panorama delle seconde lingue, quelle apprese dopo l’inglese.

A livello numerico sono sempre tre i Paesi a studiare di più l’italiano su Duolingo dopo l’inglese, ma due di essi sono cambiati. Resta l’Argentina, probabilmente per l’alto numero di oriundi italiani presenti e il forte legame di questo Paese con l’Italia. Ma l’idioma di Dante perde il secondo posto in altri due Paesi sudamericani con le stesse caratteristiche. Si tratta dell’Uruguay (a favore del portoghese) e del Venezuela (a favore del francese).

Se pensiamo che in Uruguay l’italiano fino a pochi anni fa era obbligatorio nel sistema scolastico, capiamo quanto sia calando il prestigio della nostra lingua in quel Paese, che ebbe tra i tanti immigrati italiani persino Giuseppe Garibaldi.

L’italiano però guadagna il posto di seconda lingua più studiata su Duolingo in due Paesi diversi. Due Paesi… dove l’italiano è ufficiale: San Marino e la stessa Italia!

Dopo la pandemia di Covid-19 ecco infatti riprendere una tendenza che vede gli immigrati, gli studenti all’estero e i lavoratori temporanei viaggiare e trovarsi a studiare la lingua del Paese nel quale si trovano a vivere.

È lo stesso caso del tedesco, seconda lingua più studiata in Germania e Austria, come l’ebraico in Israele, lo spagnolo in Spagna e Costa Rica e lo swahili in Uganda. In Svezia lo svedese risulta addirittura la prima lingua più studiata via Duolingo, prima dell’inglese.

 

Questa classifica naturalmente è limitata a questa singola applicazione, non tiene conto di altri canali istituzionali (scuole pubbliche e private, istituti di cultura…) dove le persone studiano le lingue. E Duolingo risente anche del fatto che spesso i corsi sono disponibili solo su base inglese e non per i parlanti nativi di altre lingue. Ma è un pezzo del mosaico e ci aiuta a capire i movimenti nel mercato delle lingue. Un mercato  di 8 miliardi di persone in cui l’italiano ha tutte le carte in regola per competere con successo. A patto che lo capisca e che decida di giocare la partita. I governi italiani, presenti e futuri, sono avvisati.

 


 Questo sito è gestito gratuitamente da volontari che ne sostengono i costi. Aiutaci donando una cifra a tua scelta:

SOSTIENICI CON UNA PICCOLA DONAZIONE
Condividi questo articolo: