Nel mondo

A Spalato l’italiano si impara sul campo di calcio

SOSTIENICI CON UNA PICCOLA DONAZIONE
Condividi questo articolo:

La lingua italiana a Spalato, nella regione croata della Dalmazia, non è la più parlata né è ufficiale, ma la sua presenza qui è storica e radicata. L’Unione Italiana, insieme alla locale Comunità degli Italiani, fanno di tutto per mantenerla viva e presente nella società, finanziando laboratori di lingua presso l’asilo Koralj e molte attività didattiche in favore della cultura italiana in città e nella regione. Tra queste ne segnaliamo una particolare, dal nome evocativo: L’italiano scende in campo!

In senso letterale, perché si tratta di un’iniziativa dell’allenatore di calcio italiano Simone Bianconi, dal 2013 residente a Spalato, in collaborazione con la società sportiva RNK Split che consiste nello svolgere allenamenti in cui si parla la lingua di Dante.

I “Rossi” continueranno a mettere a disposizione le loro strutture e a offrire ai ragazzi l’opportunità d’avvicinarsi alla lingua italiana attraverso lezioni e allenamenti condotti da tecnici di madrelingua italiana. “Il nostro socio Simone Bianconi, tra i fondatori della Sport Events Society, ha introdotto il nuovo ciclo d’allenamenti in italiano presentando ai giovani calciatori la terminologia specifica utilizzata sui campi della Serie A e delle serie minori del Bel Paese”, ha fatto sapere la presidente della Comunità “F. Carrara”, Antonella Tudor, che ha aggiunto: “una serie di allenamenti per i ragazzi del 2004/2005 dello storico Club spalatino in lingua italiana. Il tutto è stato possibile grazie alla cooperazione sul campo tra il Mr Goran Njegić, fresco di vittoria del campionato con i suoi Allievi 2 e il nostro Simone Bianconi, allenatore con licenza Uefa rilasciata dalla Figc e con decennale esperienza nel sostenere allenamenti per Club provenienti da ogni parte del mondo”.

Il calcio italiano ha un grande blasone e gode del prestigio e dell’attenzione derivata dalla recente vittoria della nazionale azzurra ai Campionati europei. Può dunque essere un formidabile strumento per allenare i giovani dalmati all’uso di una lingua che appartiene alla storia e alla società del proprio territorio, oltre che alla vicina Penisola al di là dell’Adriatico.

In copertina e nel testo: foto dalla pagina FB della Comunità degli italiani di Spalato
Fonti: LaVoce.hrCI SpalatoIl Piccolo

SOSTIENICI CON UNA PICCOLA DONAZIONE
Condividi questo articolo: