Politiche linguistiche

“Lo sanno tutti che l’inglese è indispensabile per qualunque tipo di lavoro!” Ma è vero?

In Italia, nel dibattito pubblico riguardo al ruolo delle lingue – in particolare l’inglese – si fa spesso riferimento alla loro importanza nel mondo del lavoro. Nel 2009 la ministra dell’istruzione italiana, Maria Stella Gelmini, propose la possibilità per i genitori di convertire le ore previste all’insegnamento di una seconda lingua europea, in ore aggiuntive d’inglese. Al commissario europeo per il multilinguismo, Leonard Orban, che polemizzò su questa proposta, la ministra rispose “lo sanno tutti che lo studio dell’inglese è indispensabile per qualunque tipo di lavoro”.


Foto copertina: nolacademy