Italiano in 500: l’utilitaria FIAT porta la nostra lingua nelle scuole di Berlino

SOSTIENICI CON UNA PICCOLA DONAZIONE
Condividi questo articolo:

L’iniziativa – iniziata a novembre 2021 e la cui fase pilota si è conclusa questo 27 luglio – ha offerto un vero e proprio viaggio linguistico e culturale nell’italianità, ricorrendo a uno dei simboli più di successo della produttività creativa che il mondo ci invidia: una Fiat 500, messa a disposizione da Stellantis-FIAT DE.

A bordo dell’auto, tutto il materiale necessario per la realizzazione di laboratori linguistico-culturali di italiano, ognuno da 60 minuti, presso i diversi istituti scolastici. Spunti, racchiusi in una valigia colorata, per incuriosire, motivare e divertire studenti di lingua tedesca e di età diverse.

Indispensabile l’apporto di Giuliana Deiana e Valentina Zacharias, entrambe bilingui e giovanissime, ma già con una formazione specifica e una comprovata esperienza di glottodidattica. Queste due preziose collaboratrici hanno portato nelle scuole materiali creati ad hoc per le diverse fasce di età: pagliacci, maghi e ballerine per la scuola primaria, tessere con marchi italiani, carte da gioco e frammenti geografici d’Italia, con cui formare fisicamente la penisola, per la scuola secondaria. Al termine delle sessioni, che hanno visto un’interazione bellissima e stimolante, gli alunni hanno realizzato con i materiali in dotazione un proprio gadget legato alle attività svolte: spille, occhiali, segnalibri.

“Italiano in 500” ha segnato, dunque, un tassello importante nella promozione del cosiddetto “Sistema Italia”, soprattutto guardando al futuro: a essere coinvolti sono stati infatti coloro che diventeranno presto gli adulti di domani e i protagonisti del loro tempo.

Per tale ragione, questo bel progetto, altamente dinamico e di forte impatto comunicativo, dovrebbe uscire da Berlino e diffondersi anche in altre aree della Germania, per raggiungere le istituzioni scolastiche di molti altri Länder.

Fonte : il Mitte

 

 

 

 

SOSTIENICI CON UNA PICCOLA DONAZIONE
Condividi questo articolo: