ITALIANO LINGUA DEL SAPERE

La lingua italiana non solo possiede una straordinaria letteratura, ma è anche una delle sole 17 lingue - comprese quelle estinte come latino e sanscrito - in cui siano stati creati testi scientifici. Vogliamo quindi trattare qui il tema dell'italiano come lingua per la trasmissione del sapere, a partire da quello scientifico e tecnologico.

LINGUA DELLA SCIENZA
E DELLA TECNICA
Padre dell'italiano scientifico fu Galileo Galilei che nel XVII secolo scelse di scrivere alcuni dei suoi più importanti trattati in volgare toscano, ossia la lingua italiana. Galileo spiega questa sua scelta nel trattato Le operazioni del compasso geometrico e militare (1606): "Finalmente, essendo mia intenzione di esplicare al presente operazioni per lo più attenenti al soldato, ho giudicato esser bene scrivere in favella toscana". Una volontà dunque di essere compreso dai tecnici che avrebbero dovuto leggere il trattato. Una scelta che aprì la scienza al confronto con la tecnica e la tecnologia.

Molti termini galileiani sono in uso ancora oggi: ricordiamo per esempio "gravità", "momento", "rivoluzione", "cannocchiale".


Cos'è questo sito?
Questo è un minisito del portale Italofonia.info. Il suo scopo è approfondire questo specifico tema, e fornire dati, informazioni e notizie sull'italiano tecnico-scientifico e il suo ruolo.