Paesi Ufficiale

Slovenia e Croazia

In Slovenia l’italiano è lingua ufficiale (con lo sloveno) nei quattro comuni costieri di Ancarano, Capodistria, Isola d’Istria e Pirano.

L’articolo 64 della Costituzione slovena riconosce diritti particolari alla comunità nazionale autoctona italiana. In particolare, gli italofoni autoctoni sloveni hanno diritto:[Nota 5][41]

« …di istituire organizzazioni, di sviluppare attività economiche, culturali e di ricerca scientifica, nonché attività nel settore della pubblica informazione e dell’editoria.
…all’educazione e all’istruzione nella propria lingua nonché alla formazione e allo sviluppo di tale educazione e istruzione nella propria lingua.
…di coltivare i rapporti con la propria nazione madre e con i rispettivi Stati »
(Costituzione della repubblica Slovena, Articolo 64)

 

Tali diritti sono garantiti costituzionalmente dallo stato sloveno, materialmente e moralmente.[41]
Alla comunità nazionale autoctona si aggiungono poi i cittadini italiani residenti in Slovenia: l’unione di queste due componenti costituisce il gruppo etnico degli sloveni italiani. In particolare riferimento al sistema educativo e scolastico è da notare come, in seguito alle leggi del 1996 sulle istituzioni prescolari, sulle scuole elementari e sulle scuole superiori, nelle scuole di madrelingua slovena operanti sul territorio dei comuni bilingui, l’italiano sia insegnata come lingua obbligatoria,[42] così come lo sloveno è insegnamento obbligatorio nelle scuole di madrelingua italiana.

Nella Regione Istriana, in Croazia, l’italiano è lingua ufficiale a livello regionale insieme al croato (parlata dal 7,69% della popolazione secondo il censimento ufficiale del 2001), e a livello comunale a: Buie, Castellier-Santa Domenica, Cittanova, Dignano, Fasana, Grisignana, Lisignano, Montona, Orsera, Parenzo, Portole, Rovigno, Torre-Abrega, Umago, Valle d’Istria, Verteneglio, Visignano, Visinada.

Secondo Ethnologue e Dieta Istriana, i parlanti italiano in Istria sarebbero almeno il 25%, e pure gran parte della popolazione croata della costa lo conoscerebbe. Anche nella città di Fiume l’italiano è compreso e parlato mentre a Zara e nel resto della Dalmazia croata molti sono coloro che lo comprendono.